John Rawls - Liberalismo politico - Autogoverno

 


La relazione politica, fra cittadini democratici, ha luogo all'interno della "struttura di base della società" in cui vivono, o meglio, all'interno di una struttura di potere che esercita la forza coercitiva su coloro (cittadini liberi ed uguali) che  l'hanno costituita . Questo implica, nella visione liberale,  che il potere politico è legittimo  solo se si esercita in base ad una costituzione che i cittadini hanno contribuito a definire (oppure a cui hanno dato il loro assenso) secondo le regole della ragionevolezza e della  razionalità . Il singolo cittadino, però, oltre a legittimare il potere politico, deve mantenere vive le consuetudini che costringono quel potere politico a fare riferimento al pubblico dibattito (l'apertura verso gli altri) per definirsi : il potere politico si esercita tra i cittadini, e non (dalle "roccaforti delle istituzioni ")  sui cittadini .


La ragione pubblica, quindi, si definisce, sempre più precisamente, come il modo in cui cittadini, che agiscono e pensano secondo dottrine ragionevoli, si "autogovernano" . La coscienza civica e politica, infatti, permette al singolo di sentirsi parte integrante di un sistema di potere a cui è soggetto ma che, al contempo, contribuisce a determinare . Se manca, o risulta distorta, la percezione di entrambi i ruoli (dell'esercitare e del subire) nei confronti del potere, ovvero, se il cittadino  non partecipa alla definizione dei limiti della propria libertà, è inevitabile il sentimento di esclusione che ne deriva (cui possono seguire pericolose forme di rivolta) . Per questo,  Rawls si concentra sulle potenzialità di sviluppo democratico di una sfera pubblica i cui membri "devono essere pronti a spiegarsi reciprocamente le basi delle proprie azioni in un modo tale che ciascuno si possa ragionevolmente aspettare che le sue spiegazioni siano accettate dagli altri, perché compatibili con la loro libertà e uguaglianza" (5). La ragione pubblica, così come egli la intende, dovrebbe rappresentare, di volta in volta, una moltitudine di alternative che più favoriscono il bene comune .


Oltre che in positivo, è possibile definire la ragione pubblica a partire da altri tipi di "ragioni" che potrebbero anche negarla, ovvero dalle ragioni non pubbliche . Rawls intende per "ragioni non pubbliche" i vari tipi di associazione (chiese, università, società scientifiche, gruppi professionali, ecc.…) le cui concezioni perseguono fini particolari . La società democratica deve comprendere le ragioni non pubbliche poiché, in questo modo, tutela la libertà di coscienza e di pensiero dell'individuo . Ognuno deve avere la libera competenza di associarsi e di esprimere concezioni religiose, filosofiche e morali che più si confanno alla propria indole . L'importante è che l'interesse particolaristico della ragione non pubblica non miri a violare l'autorità del governo legittimo, poiché, nel momento in cui ciò accade, la ragione non pubblica (sociali e non private) entra in conflitto contro la ragione pubblica, infrangendo la reciprocità della non invadenza che fonda la società democratica .

 

Libro in sorte

Sei pezzi facili [Richard Feynman]Sei pezzi facili [Richard Feynman]
04 Ott 2014 20:49

E se usassimo la scienza non solo per comprendere il mondo ma soprattutto per abbandonare il no [ ... ]

I frammenti [Eraclito di Efeso]I frammenti [Eraclito di Efeso]
11 Nov 2016 20:53

 "Per quanto tu cammini, i confini dell'anima non potresti mai trovare pur percorrendo ogni via [ ... ]

Principianti [Raymond Carver]Principianti [Raymond Carver]
31 Mag 2014 22:23

Quando sbucciamo una mela con un coltello affilato, e ci preoccupiamo di non intaccare la polpa [ ... ]